Cosa ha ancora da insegnare un vecchio cane

Cane anziano

L’aspettativa media di vita per un cane è di 15/16 anni. Presto diventa un cane anziano.

Se guardando indietro nei nostri ricordi abbiamo l’impressione che tutto sia avvenuto così velocemente da poter essere racchiuso nel tempo di un profondo respiro, la vita di un cane è solo un soffio.
A tutti è capitato, o capiterà, di perdere un parente o un amico e di accusare in modo doloroso la sua mancanza. Ricordandolo, capiamo, a volte più intensamente che mai, il valore che quella persona ha avuto nella nostra vita. Il nostro ultimo saluto a quella persona è intriso di affetto, riconoscenza, gratitudine, malinconia.
Più volte ho voluto evidenziare le opportunità che offre la compagnia e ancor più l’educazione del cane.
il mio primo cane anziano

Baki, il mio cane anziano

Quando incontrai Baki, la lupa, al canile municipale di Milano, capii subito che eravamo fatti l’uno per l’altro. Entrambi eravamo animati da un’incontenibile energia, energia utile ad essere spesa in eccezionali avventure e ci furono quelle avventure e furono memorabili…
Il tempo per lei passò molto più in fretta che per me.
Mi apparve chiara una legge della fisica che avevo appreso solo in teoria: ”l’energia non si crea né si distrugge, bensì, si trasforma”.

Amare qualcuno e prendersi cura di lui richiede energia, forza. Ma se prima investivamo la nostra energia scalando le montagne o sfrecciando in bicicletta, ora, era necessaria una trasformazione di quell’energia. Da forza motrice in energia d’amore che è la vera essenza dell’energia.
Questa realizzazione mi fu estremamente utile, sia per la mia vita privata che per quella professionale.
il mio secondo cane anziano

Amore

Quanto ho amato il mio cane anziano. Quel corpo non era più adatto a contenerla e così dovette abbandonarlo.
Malattia, vecchiaia e morte vengono spesso considerate come un deficit fisico e una disgrazia. Invece, sono strumenti che vengono amorevolmente offerti all’individuo affinché possa realizzare ed effettuare quella trasformazione che è il senso e il fine della vita.
Così, un giorno questa struttura della materia con la quale oggi spalo la neve non sarà più adatta nemmeno per camminare con i miei cani.
Ma se sapremo impregnare ogni nostra impresa e relazione di attenzione e amore, non ne sentiremo la mancanza.

 

 

A Francesca, Mariella, Giuseppe e al mio Maestro Marco Ferrini che educa la mia mente e ispira ogni mio miglior sentimento.

Alessandro Coppola
Cosa ancora ha da insegnare un cane anziano

Leggi questa bellissima riflessione di Ernest Montague

“I cani non muoiono mai. Non sanno come farlo. Diventano stanchi e vecchi, le loro ossa iniziano a far male. Naturalmente non muoiono. Ovviamente se morissero non vorrebbero andare a spasso continuamente, tuttavia vogliono andare a passeggio, anche se le loro vecchie ossa a lungo dicono: “No, non è una buona idea. Non andiamo a passeggio”. Loro vogliono sempre andare a passeggio. Anche se il passo successivo significa che i loro vecchi tendini non li reggeranno in piedi, anche così loro vorranno andare avanti.
Non è che non amino la tua compagnia. Il contrario, la passeggiata con te per loro è tutto. La sinfonia di odori, che li avvolge è il loro mondo. La cacca di un gatto, l’odore di un altro cane, i resti di un uccello in putrefazione, e (certamente) te. Questo è quello che rende il loro mondo ideale, e in un mondo ideale non c’è posto per la morte.
Tuttavia i cani diventano molto sonnolenti. E questo è il nocciolo della questione. Non lo insegnano nell’università dove viene spiegato cosa sono i quark, i gluoni e l’economia di Keynes. Lì sanno talmente tante cose, che dimenticano che i cani non muoiono. È veramente un peccato. I cani hanno così tante cose positive, mentre gli uomini sanno solo parlare.

lui si è semplicemente addormentato

Quando pensi, che il tuo cane è morto, lui si è semplicemente addormentato nel tuo cuore. Continua a scodinzolare, per questo motivo il tuo cuore duole e piangi sempre. Chi non piangerebbe avendo un cane felice e scodinzolante nella propria gabbia toracica. Ahi! Loro scodinzolano quando si svegliano li. In quel momento dicono: “Grazie! Grazie del caldo luogo per dormire, è così vicino al tuo cuore, è il posto migliore!”.
Inizialmente si svegliano di continuo, per questo motivo piangi sempre. La loro coda scodinzola. Ma con il passare del tempo dormono sempre più a lungo (ricorda che lo scorrere del tempo per i cani è diverso da quello degli esseri umani. Vai con il cane a passeggio, e per lui l’intera giornata è trascorsa in un’ora. Poi torni a casa e tempo che uscirai di nuovo per lui sarà trascorsa una settimana o per lo meno qualche giorno prima che tu riesca con lui. Non stupisce quindi il perché loro amino tanto le passeggiate).
In ogni modo come ho già detto, loro si addormentano nel tuo cuore, e quando si svegliano iniziano a scodinzolare. Dopo qualche anno canino, dormono sempre più a lungo, quindi anche tu puoi. Per tutta la loro vita sono stati dei BRAVI CANI e lo sapete entrambi. Essere dei bravi cani per tutto il tempo è molto faticoso, soprattutto quando si è vecchi e le ossa fanno male, ma vogliono proseguire, cadono con il muso a terra e anche quando fuori piove e non si ha voglia di uscire, ma anche in quel caso si esce per una pipì, perché è così che si comportano i bravi cani. Quindi capisci che dopo una cosa del genere ha bisogno di riposare nel tuo cuore, quindi dormiranno sempre più a lungo.
Ma non farti ingannare, loro non sono morti. Non c’è una cosa del genere. Loro dormono nel tuo cuore e si svegliano quando non te lo aspetti. Ormai loro sono così.
Sono dispiaciuto per le persone che non hanno un cane dormiente nel loro cuore.
Perdono così tanto. Scusate, ma vado a piangere”

 

articoli correlati:

 
relazione uomo cane anziano
 
Predisporsi alla relazione uomo cane

 

 

vivere con un cane anziano
 
Vivere con un cane

 

 

amicizia uomo cane anziano
 
L’uomo, il cane e la scienza dell’amicizia

 

 

cane anziano e altri articoli
 

Vieni a leggere i miei articoli di approfondimento sull’educazione del cane.

 

 

Summary
Cosa ha ancora da insegnare un vecchio cane
Article Name
Cosa ha ancora da insegnare un vecchio cane
Description
Quanto ho amato il mio cane anziano, quel corpo non era più adatto a contenerla e così dovette abbandonarlo.
Author
Publisher Name
Alessandro Coppola Casa Vaikuntha
Publisher Logo

Enjoyed this post? Share it!

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *