Pet therapy per operatori sanitari

il cane terapeutico

progetto pet therapy per operatori sanitari

Una proposta formativa per gli operatori di struttura sanitaria e socio-assistenziale

 
pet therapy per operatori sanitari

Con il termine di Pet-Therapy si intende l’insieme di Interventi Assistiti con gli Animali (IAA), che possono riguardare le attività ludico-ricreative, educative o terapeutiche realizzate da personale qualificato con l’impiego di animali domestici (per lo più cane, gatto, coniglio, cavallo e asino) al fine di aiutare le persone a migliorare la loro qualità di vita e/o a ridurre i loro disagi psico-fisici.

Gli IAA sono proposti con successo in diversi ambiti di intervento e con svariate tipologie di soggetti: bambini, anziani, disabili psico-fisici, malati oncologici, etc.

Tra le varie possibilità di impiego appare interessante quella relativa al lavoro con gli operatori sanitari (medici, infermieri, educatori, terapisti, OSS) che quotidianamente si confrontano con la sofferenza umana, la malattia e la morte.

Spesso all’interno di tali equipe si creano forti tensioni individuali e gruppali che sfociano a lungo andare in insoddisfazioni, scarso rendimento sul lavoro, demotivazione, conflittualità interpersonali e, infine, burnout.

La sindrome da burnout è l’esito patologico di un processo stressogeno che interessa in modo particolarmente frequente le professioni di aiuto e che può condurre anche a gravi disturbi psicofisici in chi ne è colpito.

Lavorare sulla prevenzione dello stress lavoro correlato significa innanzi tutto aiutare gli operatori a gestire le dinamiche relazionali in maniera adeguata; in questo senso, è interessante stimolare alcune riflessioni su come gestire le inevitabili criticità di un qualsiasi gruppo umano: distorsione del concetto di leadership, abusi di potere, sentimenti di invidia, spinte all’eccesso di competitività, aggressività.

 

destinatari

pet therapy per operatori sanitari
 

Gruppi chiusi di operatori, formati ciascuno da circa 10 soggetti, che afferiscano possibilmente alla medesima equipe di lavoro; i partecipanti possono appartenere a professionalità diverse.

 
 

obiettivi

Stimolare il dialogo inerente i problemi relazionali tra colleghi, che si ripercuotono negativamente sia sui singoli individui che sugli utenti e sull’organizzazione in generale; analizzare le dinamiche disfunzionali e ricercarne di migliori attraverso la riflessione sui modelli sociali animali.

 

contenuti

L’etologia è una branca della psicologia che si occupa di osservare e studiare gli animali nei loro contesti naturali e definirne abitudini e comportamenti.

Lo studio delle specie più simili all’uomo può rivelare dinamiche sociali di grande interesse. Queste dinamiche si manifestano agli occhi degli osservatori attraverso “forme semplici”.

Rivelare, condividere, dibattere intorno a queste dinamiche sarà il percorso attraverso il quale ognuno potrà riconoscersi nella sua individualità e nei diversi ruoli che è chiamato a interpretare nella vita come nel contesto lavorativo.

L’elaborazione sincera e matura di queste forme svelerà il significato di benessere, termine che indica sia il traguardo che il percorso per giungervi.

La relazione fra uomo e cane occupa una zona di confine fra etologia e sociologia.

Durante tutto il corso della storia, e nelle più diverse aree geografiche del pianeta, questa relazione si è prestata ad essere interpretata, realizzata e vissuta in molti modi differenti.

Tratteremo gli aspetti più nobili di questa relazione, quelli che nel corso dei secoli hanno dimostrato di essere responsabili della trasformazione ed evoluzione dell’individuo.

Il mio cane Hari è fonte di ispirazione e la nostra relazione sarà testimonianza pratica dei contenuti che si vogliono trasmettere.

 
pet therapy per operatori sanitari - progetto il cane terapeutico – casavaikuntha

hari

La naturale docilità del mio cane Hari lo rende qualificato ad essere ammesso in qualunque struttura e a frequentare la maggior parte delle persone.

La sua presenza durante gli incontri e la reciproca empatia che si evince dalla nostra relazione agevoleranno l’assorbimento dei contenuti.

Tutti i partecipanti potranno scegliere se avere o no un contatto con lui, senza che si renda necessario alcun tipo di avvertimento o prescrizione.

 

 

Il progetto “il cane terapeutico” si sviluppa attraverso 3 tappe:

il cane terapeutico pet therapy per operatori sanitari1. ruoli e leadership del benessere
2. comunicazione: dal monologo al dialogo
3. conoscere e controllare la mente critica e reattiva
 

Imparare a vivere e a lavorare con responsabilità e gioia è la proposta e l’ambizioso obiettivo di questo nostro intervento.

 

 

Responsabili ed attuatori

Alessandro Coppola: educatore cinofilo, titolare di Master in Psicologia Indovedica, ideatore del progetto “Il cane terapeutico”

Claudia Caracciolo: psicologa, neuropsicologa e psicoterapeuta; titolare del Corso Propedeutico e Base per Coadiutore dell’animale, Responsabile di Progetto e Referente di Intervento negli IAA

 

Animali

Il progetto verrà realizzato con Hari, maschio di border-collie, di proprietà di Alessandro Coppola. Il cane possiede un libretto sanitario regolare e una certificazione veterinaria di buona salute e adeguatezza comportamentale.

 

Numero e Frequenza delle sedute

Il progetto prevede un numero complessivo di 3 sedute di gruppo, a frequenza settimanale; ogni incontro ha la durata di circa 90 minuti. Sono inoltre programmabili, all’occorrenza, incontri di follow-up a cadenza mensile.

 

Se sei interessato a questo progetto e desideri maggiori informazioni:

 
pet therapy case di riposo progetto il cane terapeutico – casavaikuntha

 

 

 

.

 

Summary
Il cane terapeutico - progetto di pet therapy per operatori sanitari
Article Name
Il cane terapeutico - progetto di pet therapy per operatori sanitari
Description
Lavorare sulla prevenzione dello stress lavoro correlato significa innanzi tutto aiutare gli operatori a gestire le dinamiche relazionali in maniera adeguata; in questo senso, è interessante stimolare alcune riflessioni su come gestire le inevitabili criticità di un qualsiasi gruppo umano: distorsione del concetto di leadership, abusi di potere, sentimenti di invidia, spinte all’eccesso di competitività, aggressività.
Author
Publisher Name
Alessandro Coppola Casa Vaikuntha
Publisher Logo

Enjoyed this post? Share it!

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *