Cardatura della lana

passaggio cruciale: la cardatura della lana!

cardatura della lana

La lana pulita e asciugata ha ancora tutte le sue fibre aggrovigliate che formano dei boccoli. È necessario districare e rendere parallele le fibre. Questo procedimento lo si ottiene con la cardatura della lana.
È possibile cardare la lana con delle spazzole apposite, i cardacci, ma per grandi quantitativi diventa un po’ troppo faticoso. Fortunatamente ci è venuta in aiuto Barbara che è stata così gentile da prestarci la sua cardatrice a tamburo.

 

cardatura della lana con i cardacci

cardatura della lana con cardacci

Bisogna ricoprire uno dei due cardacci con un sottile strato di lana. Si prende un ciuffetto di lana, lo si districa con le mani e lo si posiziona sugli aghi di uno dei due cardacci, fino a ricoprirlo tutto e facendo attenzione a non uscire dai bordi. L’altro cardaccio deve rimanere vuoto.
A questo punto si prende il manico del cardaccio ricoperto di lana con la mano sinistra, (manico in alto e corpo del cardaccio in basso con gli aghi verso di te). Si afferra il cardaccio vuoto con la mano destra (manico in basso e corpo in alto) e si inizia a “pettinare” delicatamente dall’alto verso il basso il cardaccio vuoto sul cardaccio pieno, con movimenti continui e in un’unica direzione fino a che tutta la lana viene trasferita dal primo al secondo cardaccio.
È più difficile spiegarlo che farlo!
Tenete conto che durante questa operazione un po’ di pagliuzze di fieno e polvere ancora presente nella lana vi cadrà per terra.
Procedete più volte con questa operazione invertendo la posizione dei cardacci e osservate bene quello che accade alle fibre spazzolate. Quando noterete che sono disposte in linee parallele avete finito! La lana è cardata.

 

cardatura della lana con cardatrice a tamburo

cardatura della lana

Si prendono dei ciuffetti di lana, li si districano con le mani e li si posiziona sulla tavoletta di legno alla base del rullo più piccolo, si gira la manovella che aziona la cardatrice. In questo modo, dal rullo più piccolo la lana scorre e passa al rullo più grande.

Si procede così fino a quando il rullo più grande è tutto ricoperto di lana. Dovete stare attenti perchè la lana non deve superare l’altezza degli aghi.

Con un ferro apposito (è possibile utilizzare anche un ferro per lavorare a maglia) si divide lo strato di lana e pian piano, con molta delicatezza, lo si strappa dal rullo. Se ritenete necessario raffinare ulteriormente la lana, potete ripetere l’operazione con la “pezza” di lana cardata.

lana cardata

cardatura della lana

 

video cardatura della lana con cardatrice a tamburo

 

Continua la lettura con gli ultimi due passaggi del progetto lana: dalla pecora al feltro:

 
dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Ho conosciuto il feltro da piccina, quando durante una vacanza con la nonna ho imparato da una maestra artigiana tedesca una delle
Continua a leggere…

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Impariamo a fare il feltro insieme? Ci incontriamo a Casa Vaikuntha con Teresa Buccheri per imparare a realizzare manufatti tridimensionali in feltro. Continua a leggere…

 

 

hai già letto la descrizione del progetto lana dalla pecora al feltro e gli articoli dei primi 5 passaggi?

 
dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro
 
Progetto lana: dalla pecora al feltro

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Può una pecora essere triste? Certo! E così, può anche essere felice e spaventata, e curiosa, e moltre altre cose. Continua a leggere…

 

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Diversamente dai loro discendenti mufloni, le pecore non perdono naturalmente il loro vello invernale.
Continua a leggere…

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Una volta tosate le pecore si deve procedere alla cernita della lana.
Si seleziona vello per vello.
Continua a leggere…

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Una volta la lana veniva lavata al fiume, la si metteva in sacchi di juta tenuti fermi dai sassi
Continua a leggere…

 

 

dalla pecora al feltro pecore felici tosatura della lana cernita dei velli lavaggio della lana asciugatura della lana cardatura della lana feltro impariamo a fare il feltro

Dopo 3 giorni, andiamo alla fontana a ritirare il sacco di lana lavato, lo togliamo dal catino e lo appoggiamo sulla pietra del lavatoio
Continua a leggere…

.
 
.
 

Summary
Cardatura della lana
Article Name
Cardatura della lana
Description
La lana pulita e asciugata ha ancora tutte le sue fibre aggrovigliate che formano dei boccoli. È necessario districare e rendere parallele le fibre. Questo procedimento lo si ottiene con la cardatura della lana. È possibile cardare la lana con delle spazzole apposite, i cardacci, ma per grandi quantitativi diventa un po’ troppo faticoso. Fortunatamente ci è venuta in aiuto Barbara che è stata così gentile da prestarci la sua cardatrice a tamburo.
Author
Publisher Name
Alessandro Coppola Casa Vaikuntha
Publisher Logo

Enjoyed this post? Share it!

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *